Crea sito

Contattaci

images

cittafraternagenova@gmail.com

Distribuzione

alimentari

Sestri Ponente

Licenziate me al suo posto                                                                           http://www.cittanuova.it/c/448474/Licenziate_me_al_suo_posto.html

29-07-2015  a cura di Oreste Paliotti
fonte: Città Nuova

"Conoscevo le precarie condizioni economiche del mio collega e allora ho detto: scegliete me al suo posto". Un gesto di condivisione che diventa contagioso e rimette in discussione i criteri di gestione degli esuberi sul posto di lavoro.

OPERAI

In fabbrica hanno distribuito in questi giorni delle lettere di licenziamento una delle quali indirizzata a Giorgio. Conoscendo le sue precarie condizioni economiche, mi avvicino e lo invito a tornare con me dell’ufficio del personale: «Io sto meglio di lui – dichiaro –, mia moglie ha un lavoro. Licenziate piuttosto me».

Il capo promette di riesaminare il caso. Quando usciamo, Giorgio mi abbraccia commosso. Il fatto naturalmente passa di bocca in bocca e altri due operai, pressappoco nelle stesse mie condizioni, si offrono al posto di altri due licenziati. La direzione è costretta ad un ripensamento sui metodi di scelta dei licenziamenti. Essendo venuto a conoscenza del fatto, il parroco lo racconta durante l'omelia della domenica, senza fare nomi. Il giorno dopo mi fa sapere che due studentesse sono andate a portargli tutti i loro risparmi per gli operai in difficoltà, dichiarando: «Anche noi vogliamo imitare il gesto di quell’operaio».

B. S. - Italia